Seguici su:    
Top

Bonus Ristrutturazioni fino al 31 dicembre 2024

Tempo di lettura 1’30”

La legge di bilancio 2022 dispone la proroga delle detrazioni per le ristrutturazioni edilizie e per la riqualificazione energetica fino al 31 dicembre 2024.

 

Bonus ristrutturazione confermato anche per il 2022. La legge di Bilancio ha, infatti, disposto la proroga delle detrazioni per le ristrutturazioni edilizie e per la riqualificazione energetica fino al 31 dicembre 2024.

Dal 1° gennaio 2022 e per i due anni successivi, con il bonus ristrutturazione i contribuenti potranno portare in detrazione fiscale al 50 per cento le spese sostenute per i lavori di riqualificazione edilizia, manutenzione straordinaria e ordinaria (per i condomini) per un massimo di 96.000 euro di spesa.

I termini dell’agevolazione, quindi, non sono sostanzialmente cambiati ma sono stati introdotti nuovi adempimenti qualora si optasse per la cessione del credito e lo sconto in fattura, anziché fruire del bonus ristrutturazione come detrazione in dichiarazione dei redditi.

In tal caso, però, bisognerà tenere a mente i due nuovi adempimenti richiesti, introdotti dal decreto antifrode n. 157/2021, che verrà accorpato alle novità della Legge di Bilancio 2022.

 

Nello specifico, per usufruire di una delle due opzioni sarà necessaria la comunicazione del professionista che ha apposto il visto di conformità e che ha quindi effettuato il primo controllo documentale sulla sussistenza dei requisiti per beneficiare del bonus ristrutturazione.

Tutta la documentazione dovrà essere inviata all’Agenzia delle Entrate, compilando e inviando un modulo messo a disposizione sul sito dell’ente, entro il 16 marzo dell’anno successivo a quello in cui si sono svolti i lavori.

Sarà altresì necessaria l’attestazione di congruità delle spese rilasciata da un tecnico abilitato, che dovrà accertare che nell’esecuzione dei lavori sia stato rispettato il limite massimo dei costi ammissibili per tipologia d’intervento.

 

Il bonus ristrutturazioni può essere richiesto da tutti i contribuenti soggetti al pagamento delle imposte sui redditi, residenti o non residenti in Italia, proprietari o titolari di usufrutto di un immobile, locatari o comodatari, soci di cooperative e imprenditori individuali.

I lavori ammessi al bonus del 50 per cento sono molti e la detrazione fiscale spetta per:

  • lavori di manutenzione ordinaria, straordinaria, restauro, risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia effettuati su parti comuni di edifici residenziali, cioè su condomini;
  • interventi di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia effettuati su singole unità immobiliari residenziali di qualsiasi categoria catastale, anche rurali e pertinenze.

I Prodotti suggeriti

FIBRO HFR è un betoncino colabile tricomponente ad armatura diffusa con fibre d’acciaio ad alta resistenza ed alto indice di carbonio, ad elevata resistenza residua a trazione (tenacità) ed alte prestazioni meccaniche.

Rivestimenti impermeabili ad elevata deformabilità e versatilità d’impiego.

Ideali per l’impermeabilizzazione di superfici sottoposte a spinta idrostatica sia positiva che negativa.

progettista

Sei un progettista?

La migliore soluzione
di impermeabilizzazione
per i tuoi progetti?
Parliamone insieme.

privato

Sei un privato?

Hai problemi di infiltrazioni?
Chiedici un consiglio senza impegno.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE