Seguici su:    
Top

Come illuminare il seminterrato nel modo giusto

3b1ba095b998cb47808c9b81f7a6e338

Tempo di lettura 1′

Il mercato offre molteplici possibilità per aumentare comfort visivo e benessere di ambienti angusti con semplici interventi a basso costo.

Un problema comune a quasi tutti i seminterrati, che spesso fa desistere dall’idea di “metterci mano”, è dato dall’illuminazione.

Il locale seminterrato, infatti, la maggior parte delle volte è privo di sufficienti punti luce naturali o, addirittura, ne è completamente sprovvisto risultando così buio e angusto.

Una difficoltà all’apparenza insormontabile se si immagina un ambiente vivibile e accogliente dove poter trascorrere parte della giornata.

Ma non è così, un’illuminazione adeguata può sopperire con ottimi risultati alla mancanza di luce naturale, rendendo l’ambiente davvero piacevole e consentendo di sfruttarne al meglio tutte le sue potenzialità.

Quale arredamento scegliere per garantire un’illuminazione perfetta?

In termini generali, per illuminare bisogna sempre puntare su colori e finiture chiari e un contributo significativo in tal senso è dato anche dall’arredamento.

Per tinteggiare pareti e soffitto si opterà per colori chiarissimi e neutri come il bianco o il beige; i pavimenti dovranno essere realizzati con piastrelle dalle nuance chiare oppure con tonalità di legno sempre tendenti al chiaro.

L’uso corretto del colore bilancia in ogni caso e migliora le caratteristiche stesse dell’ambiente esaltandone i punti di forza, creando atmosfera e regalando carattere anche a locali in apparenza sterili e poco accoglienti.

Quali sono i sistemi di illuminazione più adatti?

Una buona soluzione per integrare la luce naturale, se c’è, è quella di utilizzare delle plafoniere a led, che permettono di diffondere la luce in modo uniforme riducendo al contempo i consumi energetici.

Possono essere installate sia a soffitto che sulle pareti, adattandosi bene quindi alle diverse esigenze.

Rappresentano la scelta ideale per ambienti come il seminterrato perché non soffocano gli spazi e, considerate le dimensioni ridotte, sono perfette per illuminare anche angoli particolarmente angusti.

Per creare coni di luce più circoscritti via libera a faretti a led, solitamente orientabili, che possono essere posizionati in punti strategici per dare risalto a particolari caratteristici dell’ambiente ovvero a quadri, sculture o altri elementi a cui si desidera dare importanza.

I faretti sono disponibili in diversi stili, materiali e colori per adattarsi al gusto personale di ognuno.

Possono essere anche a incasso o a scomparsa per creare un punto luce essenziale che di certo conquisterà gli amanti dello stile più minimalista.

Anche le strisce a led non sono da sottovalutare: sono nastri che in maniera orizzontale e indiretta possono illuminare aree del seminterrato anche di grandi dimensioni. Offrono molte potenzialità e sul mercato sono disponibili di diversa forma e colore.

Altra tendenza, per osare un po’ di più è quella di seguire uno stile industriale, sempre affascinante e senza tempo.

Quindi lampadari dallo stile essenziale in metallo o effetto ruggine, a muro o a sospensione che lasciano scoperta la lampadina, magari alternati a tante lampade nei vari angoli della stanza per creare un accattivante gioco di luci e ombre.

Altro espediente è utilizzare superfici riflettenti come vetri e specchi che, se posizionati in direzione della luce, la riflettono direttamente sul soffitto amplificando l’illuminazione di tutta la stanza…facili espedienti che fanno sembrare gli spazi più ampi e luminosi.

Una soluzione di nicchia è rappresentata inoltre dai canali di luce naturale sviluppati attraverso una rete di canali riflettenti.

In questo caso è evidente, come per tutti i sistemi impiantistici, che dovranno essere gestiti (anche a livello di sigillatura ed impermeabilizzazione) tutti i passaggi.

Ma, come posizionare i vari elementi?

Se si desidera trasformare il seminterrato in uno studio, ci sarà bisogno delle solite cose: una scrivania ampia, una sedia da ufficio, una cassettiera o una libreria ma la differenza può farla, anche in questo caso, l’illuminazione.

Necessario, sicuramente, un bel lampadario che illumini la scrivania, ma non solo. Perché non posizionare anche delle lampade da terra a stelo lungo per creare una rilassante armonia di luci?

Insomma, le possibilità sono davvero molte e sarebbe un peccato rinunciare a uno spazio prezioso, come il seminterrato, per un problema di scarsa illuminazione.

I sistemi di illuminazione, oggi come oggi, offrono una molteplicità di soluzioni interessanti ed economiche che consentono di aumentare il comfort visivo e il benessere in modo significativo con interventi semplici e poco invasivi.

 

 

progettista

Sei un progettista?

La migliore soluzione
di impermeabilizzazione
per i tuoi progetti?
Parliamone insieme.

privato

Sei un privato?

Hai problemi
di infiltrazioni?
Chiedici un consiglio
senza impegno.

I Prodotti suggeriti

Membrana Amphibia

E’ una membrana impermeabile PRE-GETTO, reattiva al contatto con l’acqua, AUTO-RIPARANTE, AUTO-SIGILLANTE e AUTO-AGGANCIANTE al calcestruzzo.

È composta da un manto continuo polimerico multistrato, con funzionalità differenziata per una totale tenuta stagna delle strutture interrate dalle infiltrazioni d’acqua.

BiMortar

Quattro prodotti che offrono un mix di soluzioni per interventi veloci finalizzati a una completa impermeabilizzazione.

Semplici da utilizzare, multifunzione, garantiscono un’ottima impermeabilità ed elevate prestazioni meccaniche anche in spinta idraulica negativa.

Sistema Biflex

E’ una combinazione di elementi impermeabili per il trattamento dei giunti e delle fessure.

Composto da un NASTRO ELASTICO a base di polimeri elastomerici TPE e da un ADESIVO EPOSSIDICO bi-componente.

Plastivo

Rivestimenti impermeabili ad elevata deformabilità e versatilità d’impiego.

Ideali per l’impermeabilizzazione di superfici sottoposte a spinta idrostatica sia positiva che negativa.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE