Seguici su:    
Top

Riqualificazione area interrato uso autorimessa Borgo Pomodoro, Modena

Tempo di lettura 1’20”

L’interrato oggetto di intervento è di pertinenza a un complesso residenziale completamente ristrutturato, per mancanza di spazi nell’area attorno ai fabbricati si è deciso di costruire un’autorimessa interrata di pertinenza al borgo.

Struttura eseguita in cemento armato con platea di fondazione e muri controterra.

Dopo alcuni anni dalla costruzione hanno cominciato a comparire, all’interno dell’autorimessa, numerose infiltrazioni.

Tali infiltrazioni erano provenienti da cavillature e fessurazioni, dalle riprese di getto tra pavimentazione e pareti, tra pareti e solaio, oltre alla presenza di ingresso anche dalle bocche di lupo.

La scelta

Dopo alcuni saggi eseguiti sull’esterno dei muri controterra e verificata la presenza del fenomeno della trasmigrazione laterale si è deciso di intraprendere la strada di un intervento di manutenzione dall’interno dell’autorimessa.

Si è valutato in prima battuta la possibilità di intervenire dall’esterno, ma vista l’impossibilità logistica di intervenire si è optato per la scelta dall’interno.

La prima operazione ha riguardato la sabbiatura di tutte le pareti per rimuovere i tinteggi presenti e rendere cosi le pareti visibili al fine di identificare eventuali cavillature, crepe e/o fessurazioni presenti.

Si è proceduto dopo controllo visivo a rasare e riparare con malta impermeabile alcuni punti con presenza di nidi di ghiaia e irregolarità di superficie.

In due punti con presenza di infiltrazioni continue si è provveduto dopo rottura e demolizione del punto a fermare la venuta d’acqua con malta impermeabile a presa ultrarapida unitamente a mastice idro-espansivo.

L’operazione successiva ha visto l’intervento diretto su crepe cavillature e fessurazioni con nastro elastico a base di polimeri elastomerici TPE unitamente ad adesivo epossidico bicomponente.

Tale intervento ha garantito il presidio di tutti i punti oggetto di infiltrazione.

La posa ha previsto il presidio di tutte le crepe in verticale, le riprese di getto tra pareti e solaio e i punti di congiuntura con le bocche di lupo.

Una volta presidiati i giunti le crepe e fessurazioni si è provveduto a impermeabilizzare tutte le pareti verticali, con un rivestimento bi-componente polimero modificato.

Una volta ultimata la posa del sistema impermeabile e dopo l’opportuno periodo di maturazione del sistema, si è provveduto alla finitura con rasante civile e successiva tinteggiatura a protezione dell’intero sistema.

 

Alessandro Pradelli, i-Tec Volteco

Per approfondire un’altra “rinascita” di un ambiente interrato clicca qui:

Recupero e riqualificazione villa fronte lago in località Stresa

progettista

Sei un progettista?

La migliore soluzione
di impermeabilizzazione
per i tuoi progetti?
Parliamone insieme.

privato

Sei un privato?

Hai problemi
di infiltrazioni?
Chiedici un consiglio
senza impegno.

I Prodotti suggeriti

I-PLUG è una malta impermeabile a presa ultrarapida ideale per la chiusura immediata delle fuoriuscite d’acqua.

AKTI-VO 201 è un mastice idroespansivo dalle grandi prestazioni per la sigillatura e l’impermeabilizzazione definitiva di corpi passanti e fessurazioni in genere.

È la soluzione risolutiva più efficace, che permette di intervenire direttamente sul punto di venuta d’acqua.

SISTEMA BI FLEX è una combinazione di elementi impermeabili per il trattamento dei giunti e delle fessure.

Composto da un NASTRO ELASTICO a base di polimeri elastomerici TPE e da un ADESIVO EPOSSIDICO bicomponente.

PLASTIVO 180 è un rivestimento impermeabile polimero modificato bicomponente, tixotropico e flessibile.

Offre un’efficace maturazione anche in condizioni di basse temperature e supporti parzialmente umidi.

X-LIME è un intonachino di finitura idrofobizzato a base di calce, premiscelato, di colorazione bianca.