Seguici su:    
Top

I rivestimenti flessibili e impermeabili per le fondazioni

Tempo di lettura 1′

Una efficace e sicura impermeabilizzazione di superfici e strutture esposte al contatto con acque, facilmente realizzabile e dalle elevate prestazioni di tenuta anche dopo la formazione di fessurazioni della struttura, è quella offerta dall’impiego dei rivestimenti flessibili.

Queste sono costituite da materiali di ultima generazione definiti “rivestimenti polimero modificati” che hanno la caratteristica di mantenere, una volta completate le fasi di maturazione, un comportamento flessibile e deformabile in grado di mantenere l’integrità anche in presenza della formazione di fessurazioni post-getto.

Questa capacità di allungarsi e ricoprire le fessurazioni mantenendo l’impermeabilità (la capacità in pratica di comportarsi come una “pelle impermeabile” per le strutture) viene definita CBA (Crack Bridging Ability) e impediscono la possibilità di trasmigrazione dell’acqua tra impermeabilizzazione e struttura.

L’ottima adesività di questi materiali li rende inoltre idonei all’applicazione su molti tipi di supporto, ad esempio: cemento, cotto, laterizio, cartongesso, plastica.

Questi prodotti rimangono flessibili anche a basse temperature e in base alle loro caratteristiche possono intervenire in caso di:

  • spinta idrostatica positiva: l’acqua schiaccia l’impermeabilizzazione contro la struttura che deve quindi sopportare il carico;
  • spinta idrostatica negativa: l’acqua tende a staccare l’impermeabilizzazione dal supporto (come ad esempio nel recupero di vani esistenti, impermeabilizzando cioè le strutture dall’interno).

Oltre ai muri contro terra di fondazione, la versatilità di questo tipo di materiali li rende idonei all’impermeabilizzazione dei più svariati tipi di struttura quali ad esempio vasche, canali, piscine interrate e pensili, etc.

 

Per scoprire le differenze tra impermeabilizzanti rigidi e impermeabilizzanti elastici clicca qui:

Impermeabilizzanti rigidi VS impermeabilizzanti elastici

I Prodotti suggeriti

PLASTIVO 180 è un rivestimento impermeabile polimero modificato bicomponente, tixotropico e flessibile.

Grazie a CORE CURING TECHNOLOGY possiede un’efficace maturazione anche in condizioni di basse temperature e supporti parzialmente umidi.

PLASTIVO 250 è un rivestimento impermeabile, polimero modificato bicomponente ad elevata elasticità e versatilità d’impiego.
Utile per l’impermeabilizzazione di superfici sottoposte a spinta idrostatica sia positiva che negativa.
progettista

Sei un progettista?

La migliore soluzione
di impermeabilizzazione
per i tuoi progetti?
Parliamone insieme.

privato

Sei un privato?

Hai problemi di infiltrazioni?
Chiedici un consiglio senza impegno.