Seguici su:    
Top

Procedure di scavo e costruzione: Scavo a cielo aperto

Tempo di lettura 1’15”

Per la realizzazione di costruzioni interrate, tipologia e profondità di scavo uniti alla tipologia costruttiva da realizzare influenzano anche la scelta e l’installazione del sistema di impermeabilizzazione.

Questi aspetti devono esser considerati nella fase iniziale della progettazione al fine di pianificare scavi sufficienti ed ogni opera provvisionale eventualmente necessaria.

Lo scavo a cielo aperto

Tradizionalmente per la realizzazione di un edifico interrato viene realizzato uno scavo a cielo aperto.

Questo metodo di scavo si basa sull’attrito interno del terreno (l’inclinazione dei pendii laterali dipende dalla disposizione delle particelle di terra) e necessita di molto spazio.

Usualmente è a basso costo, consentendo un metodo costruttivo dal basso verso l’alto senza limitazioni nella scelta del sistema impermeabile. 

Se le operazioni di scavo sono interessate anche dalla presenza di falda acquifera, occorre aver presente anche tutte le problematiche relative al drenaggio e l’emungimento delle acque.

Inoltre è necessario considerare la possibile alterazione degli equilibri idrogeologici del sito.

Anche se in assenza di acqua di falda, va considerato comunque che a seguito delle operazioni di sbancamento, l’acqua meteorica tenderà a raccogliersi nello scavo stesso.

Questo genera un bacino idrico artificiale attorno al nostro edificio interrato.

La scelta

Tutte queste considerazioni rendono necessaria un’impermeabilizzazione totale di tutti gli ambiti interrati, che concorrerà anche a una maggiore durabilità dell’opera.

La struttura deve essere impermeabilizzata in continuità, preferibilmente dall’esterno, in modo tale da preservare negli anni il contatto con l’acqua presente nel sottosuolo.

Tale operazione potrà essere realizzata utilizzando membrane idro-reattive e auto-sigillanti, presidiando inizialmente le superfici orizzontali e poi quelle verticali.

Importante sarà l’utilizzando di appositi sistemi di fissaggio (anche entro cassero) e le nastrature impermeabili/sigillanti idro-espansivi per le sovrapposizioni dei teli e la cura dei dettagli tecnici.

I giunti e le riprese di getto

Particolare importanza deve esse data anche a tutte le giunzioni tecniche, siano esse riprese di getto o giunti di dilatazione.

Esse dovranno infatti essere opportunamente presidiante mediante l’applicazione di idonei waterstop o garze impermeabili.

progettista

Sei un progettista?

La migliore soluzione
di impermeabilizzazione
per i tuoi progetti?
Parliamone insieme.

privato

Sei un privato?

Hai problemi
di infiltrazioni?
Chiedici un consiglio
senza impegno.

I Prodotti suggeriti

Membrana Amphibia

E’ una membrana impermeabile PRE-GETTO, reattiva al contatto con l’acqua, AUTO-RIPARANTE, AUTO-SIGILLANTE e AUTO-AGGANCIANTE al calcestruzzo.

È composta da un manto continuo polimerico multistrato, con funzionalità differenziata per una totale tenuta stagna delle strutture interrate dalle infiltrazioni d’acqua.

WT 102

E’ un profilo idro-espansivo a base di Bentonite di Sodio naturale e gomma butilica.

Sigilla le riprese di getto nelle strutture in calcestruzzo armato, anche in presenza di forti spinte d’acqua.

BREAK

È un elemento scatolare auto-sigillante a tenuta idraulica.

E’ studiato per regolare e sigillare le eventuali fessure spontanee del calcestruzzo armato che si formeranno solo in sua corrispondenza.

Al passaggio dell’acqua verranno autonomamente sigillate grazie all’azione idro-espansiva del giunto bentonitico presente al suo interno.